Ariete a Sanremo 2023: «Gli squali del festival non sono poi così cattivi»
in

Ariete a Sanremo 2023: «Gli squali del festival non sono poi così cattivi»

Ariete a Sanremo 2023: «Gli squali del festival non sono poi così cattivi»

Appoggia il cellulare sul tavolo e sul dorso è applicato un adesivo con la scritta “stacce”, che potremmo tradurre grossolanamente dal romanesco in “ci devi stare, che ti piaccia o no”. Sembra un po’ questo lo spirito con il quale Ariete, all’anagrafe di Anzio registrata come Arianna Del Giaccio, si appresta a partecipare per la prima volta a Sanremo. A (quasi) 21 anni, ha talento da vendere, ne è consapevole, ha alle spalle una etichetta che crede pianamente in lei e a sua volta è una esordiente al festival (Bomba Dischi), per cui le aspettative, spiega, sono «cantare bene, divertirmi e rimanere me stessa». Ma nello stesso tempo, ammette, la sua paura più grande «è perdere» e, anche se la classifica non la preoccupa poi tanto, spera di «arrivare almeno tra i…

Leggi su www.rollingstone.it

Cosa ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0