La Turchia si è ritirata dalla convenzione di Istanbul sul contrasto alla violenza sulle donne
in

La Turchia si è ritirata dalla convenzione di Istanbul sul contrasto alla violenza sulle donne


Nel paese, tuttavia, si sono registrati 78 femminicidi da inizio 2021 e oltre 300 nel 2020. Proteste dall’Unione europea e dagli Stati Uniti

La Turchia è uscita dalla Convenzione di Istanbul, il primo trattato internazionale sulla prevenzione e la lotta contro la violenza di genere e la violenza domestica. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato il ritiro sabato 20 marzo, scatenando proteste nel paese e la condanna da parte delle istituzioni europee e del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden.

Secondo le autorità turche, le leggi nazionali sono sufficienti a garantire la protezione delle donne. Nel paese, tuttavia, si sono registrati 78 femminicidi da inizio 2021 e oltre 300 nel 2020. Inoltre, l’ufficio del presidente Erdogan ha rilasciato una dichiarazione in cui denuncia la convenzione come “il tentativo di un gruppo di persone di normalizzare l’omosessualità, cosa incompatibile con i valori sociali e familiari della Turchia”. Il ritiro dal trattato è quindi un doppio passo indietro per quanto riguarda la tutela dei diritti delle donne e quelli della comunità lgbtq+.

Cosa prevede la Convenzione di Istanbul

La convenzione, firmata nel 2011 proprio in Turchia, sancisce l’uguaglianza tra uomo e donna e definisce la violenza di genere come un atto discriminatorio e una violazione dei diritti umani, che comprende atti e minacce che provochino sofferenza fisica, sessuale, psicologica ed economica. Inoltre, identifica la violenza domestica come qualunque pratica di violenza all’interno del nucleo familiare o tra coniugi e partner.

Il trattato, come stabilito dagli articoli 5 e 6, obbliga gli stati a prevenire il verificarsi delle violenze, con misure che ridefiniscano i ruoli di genere e di contrasto agli stereotipi che rendono accettabile la violenza di genere.

Inoltre i governi sono tenuti a proteggere le donne e le ragazze che vivono in condizioni di rischio per la…


Leggi su Attualità – Wired

Cosa ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0