“Non ho ucciso Meredith, ma sono scappato come un vigliacco. E forse era ancora viva”. Il racconto di Rudy Guede a un anno dalla libertà
in , ,

“Non ho ucciso Meredith, ma sono scappato come un vigliacco. E forse era ancora viva”. Il racconto di Rudy Guede a un anno dalla libertà

“Non ho ucciso Meredith, ma sono scappato come un vigliacco. E forse era ancora viva”. Il racconto di Rudy Guede a un anno dalla libertà

È passato un anno da quando Rudy Guede, unico condannato per l’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia nel novembre del 2007, è uscito dal carcere. Intervistato dal Corriere della Sera, ha ripercorso i fatti avvenuti nel tristemente noto appartamento di via della Pergola, che ha raccontato anche in un libro, Il beneficio del dubbio, scritto con Pierluigi Vito. “Non ho ucciso Meredith Kercher, lo ripeto più che mai adesso che ho finito di pagare il mio conto alla giustizia“, ribadisce ancora una volta Guede, ora 35enne. “Nelle mie sentenze c’è scritto “in concorso con e Raffaele Sollecito” e nessuno dei giudici mi ritiene autore materiale del delitto. Poi loro due vengono assolti. Allora io chiedo: con chi ho concorso? Hanno respinto la…

Leggi su www.ilfattoquotidiano.it

Cosa ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0