Reperti archeologici, i 60 rubati che l'Italia ha recuperato
in

Reperti archeologici, i 60 rubati che l'Italia ha recuperato

Reperti archeologici, i 60 rubati che l'Italia ha recuperato

Si trovavano in collezioni private, musei e gallerie statunitensi: si tratta di ben 60 reperti archeologici, risalenti al periodo che va dal 1400 a.C. al 300 d.C., – tra cui anche quello che negli Stati Uniti veniva chiamato Ercolano Fresco, un affresco che raffigura Ercole fanciullo con il serpente, datato I secolo d. C., originario probabilmente dell’area di Ercolano, e una testa di Atena in marmo -, oggi rimpatriati, provenienti da scavi non autorizzati effettuati sul suolo italiano per un valore totale di oltre 20 milioni di dollari. I reperti sono il risultato di furti e operazioni di scavo avvenute senza autorizzazione. Per questo motivo il mondo accademico non era a conoscenza dell’esistenza di tali beni fino all’immissione nel mercato antiquario statunitense per mano di…

Leggi su www.wired.it

Cosa ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0