Ritorna la truffa del finto parente arrestato: la Polizia di Stato lancia l’allarme
in ,

Ritorna la truffa del finto parente arrestato: la Polizia di Stato lancia l’allarme

Ritorna la truffa del finto parente arrestato: la Polizia di Stato lancia l’allarme

Nella giornata di ieri, la Questura di Bolzano ha ricevuto due segnalazioni di tentativi di truffa subiti da altrettante signore, una 71enne e una 79enne, entrambe residenti di Bolzano.

Le stesse avevano ricevuto una chiamata sulla propria utenza fissa da una donna, che, sostenendo di trovarsi in un Ufficio di Polizia, comunicava all’interlocutrice che un loro parente aveva causato un incidente stradale in cui era morto un bambino e chiedeva loro, a titolo di cauzione, denaro o monili per rimettere in libertà il congiunto.

In uno dei due casi venivano addirittura chiesti 50.000 euro per evitare la carcerazione del parente.

Le signore contattate, memori delle varie campagne informative intraprese dal Comune di Bolzano e dalla Questura, non sono cadute nella trappola,…

Leggi su www.lavocedeltrentino.it

Cosa ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0