“Rsa come carceri, visite ostacolate”, la denuncia dei familiari: “Via l’accreditamento a chi non rispetta regole e protocolli”
in ,

“Rsa come carceri, visite ostacolate”, la denuncia dei familiari: “Via l’accreditamento a chi non rispetta regole e protocolli”

“Rsa come carceri, visite ostacolate”, la denuncia dei familiari: “Via l’accreditamento a chi non rispetta regole e protocolli”
“Per tre mesi, dallo scorso dicembre, non ho potuto vedere mia madre, ospitata in una Rsa (residenza sanitaria assistenziale) qui nella provincia di Roma. Ora mi è permessa una visita ogni settimana. Ma non posso toccarla, né abbracciarla. Posso vederla soltanto attraverso un vetro“. Maria è una dei familiari di anziani e ospiti di case di riposo che hanno deciso, insieme a diverse associazioni, di scendere in piazza, di fronte al ministero della Salute a Roma, per chiedere, alla vigilia della scadenza dello stato di emergenza, che possano cambiare anche le regole di accesso alle strutture che ospitano persone non autosufficienti, dopo due anni di restrizioni, a causa della pandemia di Coronavirus-19.

Questo perché, spiegano, al di là delle normative approvate fin dalla scorsa estate…

Leggi su www.ilfattoquotidiano.it

Cosa ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0