Sanità, il racconto di Anna: “La dialisi è diventata un calvario”
in ,

Sanità, il racconto di Anna: “La dialisi è diventata un calvario”

Sanità, il racconto di Anna: “La dialisi è diventata un calvario”

“E’ diventato un calvario, una via crucis”. Mentre parliamo, la signora Anna, di Venosa, è all’ospedale di Rionero in Vulture. Attende che un suo stretto familiare concluda la seduta di dialisi a cui si deve sottoporre un giorno sì e uno no. Ma mentre fino ad ottobre dello scorso anno, il suo familiare come altri 21 dializzati dell’area Altro Bradano, poteva comodamente recarsi all’ospedale di Venosa, da ottobre 2020 quella struttura è diventata ospedale Coronavirus e destinata, per la precisione, alla riabilitazione dei pazienti non gravi. E da lì è partito il calvario.

“Il reparto in cui di faceva dialisi a Venosa – chiarisce Anna – era praticamente autonomo, bastava allestire una passerella e si poteva fare un ingresso separato, senza che si entrasse a contatto con…

Leggi su www.basilicata24.it

Cosa ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0